Ultima modifica: 24 Ottobre 2019
Home > Didattica > Patto di corresponsabilità

Patto di corresponsabilità

PATTO DI CORRESPONSABILITA’

Scuola-Studente-Famiglia

DPR249/1998 art.1-DPR 235/2007 art.3

Preso atto che la cooperazione tra scuola e famiglia è un prezioso strumento per aiutare i nostri ragazzi nel cammino della formazione, della libertà e della responsabilità e che un progetto educativo pienamente condiviso da tutte le parti coinvolte è presupposto indispensabile per raggiungere le finalità dell’offerta formativa e per guidare gli Studenti al successo scolastico, questo Istituto chiede alle famiglie ed agli Studenti di sottoscrivere il seguente atto tra

I Genitori e gli Studenti
dell’Istituto Tecnico Economico Statale “A. M Jaci” di Messina e

Il Dirigente Scolastico
dell’Istituto Tecnico Economico Statale ”A. M Jaci” di Messina

• Vista la nota prot n. 5843/A3 emanata dal Ministro della P.I. il 16.10.2006 “Linee di indirizzo sulla cittadinanza democratica e legalità”;

• Visti i D.P.R. n.249 del 24.06.1998 e D.P.R. n.235 del 21.11.2007 “Regolamento recante lo Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria”;

• Vista la Nota prot. n. 16 emanata dal Ministro della P.1. il 5.02.2007 “Linee di indirizzo generali ed azioni a livello nazionale per la prevenzione del bullismo”;

• Vista la Nota pro t. n. 30IDip/Segr. emanata dal Ministro della P.I. il 15.03.2007 “Linee di indirizzo ed indicazioni in materia di utilizzo di telefoni cellulari e di altri dispositivi elettronici durante l’attività didattica, irrogazione di sanzioni disciplinari, dovere di vigilanza e di corresponsabilità dei genitori e dei docenti”;

 Vista la Legge n. 107 del 13/07/2015, art. 1 dal comma 33 al 44

 Vista la Legge n. 71 del 18/06/ 2017 recante “ Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del cyberbullismo”

Preso atto che

• Il compito della scuola è quello di far acquisire non solo competenze, ma anche valori da trasmettere per formare cittadini che abbiano senso di identità, appartenenza e responsabilità;

• La scuola non è soltanto il luogo in cui si realizza l’apprendimento, ma una comunità organizzata dotata di risorse umane, materiali e immateriali, tempi e organismi che necessitano di interventi complessi di gestione, ottimizzazione, conservazione, partecipazione e rispetto dei regolamenti;

• La formazione e l’educazione sono processi complessi e continui che richiedono la cooperazione, oltre che dello studente, della scuola, della famiglia e dell’intera comunità scolastica;

• L’Istituto ”A.M Jaci” di Messina pianifica il percorso educativo da seguire per la crescita umana e civile dei giovani, nel pieno rispetto dell’autonomia scolastica e delle disposizioni normative in materia, unitamente agli studenti, alle famiglie e alle altre componenti scolastiche, nella piena condivisione di impegni e responsabilità, consapevoli che la libertà personale si realizza nel rispetto degli altrui diritti e nell’ adempimento dei propri doveri.

SI IMPEGNANO A QUANTO SEGUE

La Scuola si impegna a:

– Fornire una formazione culturale e professionale qualificata, aperta alla pluralità di idee, nel rispetto dell’identità di ciascun studente;

-Garantire l’attuazione dell’Offerta Formativa, ponendo Studenti, Docenti, Genitori e Personale non docente nella condizione di esprimere al meglio il proprio ruolo;

– Garantire a ogni componente scolastica la possibilità di esprimere e valorizzare la proprie potenzialità;

– Garantire e favorire il dialogo, la collaborazione e il rispetto tra le diverse componenti della comunità scolastica;

-Cogliere le esigenze formative degli Studenti e della comunità in cui la scuola opera, per ricercare risposte adeguate;

-Coinvolgere nella prevenzione e contrasto del bullismo e cyberbullismo tutte le componenti della Comunità scolastica, nominando anche un Docente referente ed organizzando corsi di formazione e sensibilizzazione

-Provvedere con scrupolosità e costanza alla compilazione e all’aggiornamento del registro elettronico;

– Fornire esempio con il proprio comportamento in classe, all’interno dell’edificio scolastico e delle sue pertinenze rispettando, tra l’altro, le regole sul divieto di fumo e sull’utilizzo del cellulare:

– Aiutare gli Studenti ad apprezzare e valorizzare le differenze;

– Offrire un ambiente favorevole alla crescita integrale della persona, garantendo un servizio didattico di qualità in un ambiente educativo sereno;

– Offrire iniziative concrete per il recupero di situazioni di ritardo e di svantaggio, al fine di favorire il successo formativo e combattere la dispersione scolastica oltre a promuovere il merito ed incentivare le situazioni di eccellenza;

– Favorire la piena integrazione degli studenti diversamente abili, promuovere iniziative di accoglienza ed integrazione degli studenti stranieri, stimolare riflessioni ed attivare percorsi volti al benessere e alla tutela della salute degli studenti;

– Ascoltare, coinvolgere gli studenti e le famiglie, richiamandoli ad un’assunzione di responsabilità rispetto a quanto espresso nel piano formativo;

– Comunicare costantemente con le famiglie, informandole sull’andamento didattico-disciplinare degli studenti. A tal proposito ogni singolo insegnante riceverà i genitori individualmente durante un’ora alla settimana, in orario dallo stesso indicato, previo appuntamento. Inoltre i docenti effettueranno tre incontri collettivi scuola – famiglia in orario pomeridiano, per la consegna di un “pagellino” con le valutazioni infraquadrimestrali alla fine del primo e terzo bimestre (Novembre ed Aprile), nonché un incontro al termine del primo quadrimestre (Febbraio) per la consegna delle valutazioni;

– Contrastare i fenomeni di Bullismo e Cyberbullismo; –

– Adottare e rispettare il Regolamento d’Istituto e di disciplina previsto dalla normativa vigente.

Lo Studente si impegna a:

-Comportarsi secondo le regole della convivenza civile e del decoro;

– Rispettare le opinioni altrui e le decisioni democraticamente assunte dagli organi collegiali;

– Rispettare e valorizzare la propria e l’altrui personalità, indipendentemente dalle diverse condizioni di cultura, di sesso, di nazionalità, di religione;

– Frequentare regolarmente le lezioni e le altre attività scolastiche, impegnandosi nello studio e sottoponendosi alle verifiche e alle valutazioni del processo formativo;

-Attenersi alle norme dettate dal Regolamento d’Istituto e dal Regolamento di Disciplina adottato dall’Istituto;

– Rispettare e valorizzare il patrimonio della scuola come bene proprio e come bene comune;

-Usare un linguaggio, un abbigliamento ed un comportamento consono e adeguato a un ambiente educativo;

– Partecipare alla vita democratica della scuola assumendosi le responsabilità che sono connesse;

– Dialogare in maniera aperta e pacata con i compagni, gli insegnanti e gli altri interlocutori all’interno della scuola;

-Ascoltare attentamente la lettura delle circolari e consegnare puntualmente ai genitori le comunicazioni della scuola;

– Rispettare l’orario scolastico di entrata e di uscita;

-Attuare comportamenti adeguati alla salvaguardia della sicurezza propria e altrui con il divieto di introdurre a scuola oggetti che possano costituire pericolo o sostanze dannose per la salute (nell’istituto è fatto divieto assoluto di fumo, anche con disposizioni elettronici);

– Non usare i telefoni cellulari e gli altri dispositivi elettronici durante le ore di lezione; l’eventuale uso deve essere autorizzato dal docente in orario e solo per motivi didattici o urgenze.

La Famiglia, nel condividere ilregolamento d’istituto, di cui ha preso visione, si impegna a:

-Prendere visione del presente Patto di Corresponsabilità, del Regolamento d’Istituto, del PTOF e, in generale di tutti i documenti relativi alla vita della comunità scolastica, consultando con regolarità il sito web della scuola e il Portale Argo;

– Partecipare in forma attiva e responsabile alla vita della Scuola secondo le modalità previste da leggi e regolamenti;

– Attivare con i docenti un dialogo costruttivo nel rispetto delle scelte educative e didattiche condivise;

– Informarsi regolarmente in merito all’andamento didattico e disciplinare del proprio figlio;

– Vigilare sulle assenze, nella consapevolezza che la frequenza regolare è un elemento fondamentale per il successo scolastico;

-Collaborare con la scuola affinché il proprio figlio rispetti l’orario delle lezioni, limitando ai casi di assoluta urgenza eventuali richieste di entrata in ritardo e uscita anticipata;

-Autorizzare la scuola a far entrare posticipatamente gli alunni, anche minorenni, e/o farli uscire anticipatamente, previa comunicazione alle famiglie tramite gli allievi.

-Autorizzare la scuola ad effettuare visite guidate e le attività di alternanza scuola-lavoro, in orario scolastico ed extrascolastico, anche utilizzando mezzi di trasporto pubblico, previa comunicazione alle famiglie tramite gli allievi;

-Controllare, attraverso un contatto frequente con i docenti, che l’alunno rispetti le regole della scuola, che partecipi attivamente e responsabilmente alla vita della scuola e curi l’esecuzione dei compiti;

– Sostenere e controllare i propri figli nel rispetto degli impegni scolastici, in primis nello svolgimento dei compiti assegnati;

– Partecipare alla vita della scuola tramite le forme di rappresentanza previste dallanormativa;

– Essere attenti al comportamento dei figli vigilando sull’uso delle tecnologie, con particolareattenzione a prevenire e contrastare fenomeni di bullismo e cyberbullismo, consapevoli della propria “culpa in educando”;

– Essere consapevoli che azioni di bullismo e cyberbullismo prevedono sanzioni scolastiche disciplinari, ma anche legali.

-Osservare puntualmente il Regolamento di Istituto, il Regolamento di disciplina degli Studenti e il Piano Triennale dell’Offerta Formativa, comprese le più recenti disposizioni espresse nella Direttiva n. 104 del 30/11/07 (utilizzo dei cellulari e di strumenti elettronici …) e ciò che concerne le disposizioni atte alla protezione dei dati personali (d.lgs. 30/06/03), nonché lo Statuto delle Studentesse e degli Studenti (D.P.R. 24/6/1998 n. 249 e modificato con D.P.R. n. 235 del 21/11/07);

-Autorizzare l’utilizzo delle immagini audio-video del proprio figlio per le finalità istituzionali dell’Istituto;

-Assumersi l’impegno di rispondere direttamente (anche economicamente) dell’operato dei propri figli quando violino i doveri sanciti dal regolamento d’Istituto e dallo Statuto degli Studenti;

– Impegnarsi a consultare frequentemente il registro elettronico, tramite l’utilizzo delle credenziali assegnate dalla scuola, per controllare l’andamento didattico disciplinare del proprio figliola (assenze,

valutazioni, eventuali note disciplinari, ecc.) e a visionare il sito Internet della Scuola, all’indirizzo http://www.jaci.gov.it. In modo da visionare circolari e avvisi.

Il Dirigente Scolastico, in quanto legale rappresentante dell’istituzione scolastica, assume l’impegno affinché i diritti degli studenti e dei genitori richiamati nel presente patto siano pienamente garantiti. Il Genitore e lo studente assumono l’impegno ad osservare le disposizioni contenute nel patto di corresponsabilità e nelle normative e disposizioni richiamate. Il Genitore/affidatario, nel sottoscrivere il presente patto, è consapevole che:

a) le infrazioni disciplinari da parte dell’alunno/studente possono dar luogo a sanzioni disciplinari, come specificato nel regolamento di istituto;

b) nell’eventualità di danneggiamenti o lesioni a persone la sanzione è ispirata al principio della riparazione del danno (art. 4, comma 5 del DPR 249/1998, come modificato dal DPR 235/2007) con responsabilità civile da parte del genitore, chiamato a risarcire quanto provocato;

Il Genitore L’alunno/a