Ultima modifica: 10 Gennaio 2019
Home > Circolari > Docenti > N. 134 – Disponibilità a svolgere supplenze retribuite

N. 134 – Disponibilità a svolgere supplenze retribuite

I docenti che intendono fornire la propria disponibilità allo svolgimento di ore di eccedenza in sostituzione dei colleghi assenti oltre il proprio orario di servizio sono invitati a compilare l’apposita scheda di cui si allega copia.

Nella scheda, per ogni giorno della settimana, vanno segnalate le ore per cui si fornisce la propria disponibilità. Il numero massimo di ore segnalate deve essere tale che, sommato al numero di ore di servizio previsto dalla propria cattedra, non determini il superamento delle 24 ore settimanali, ovverosia massimo 6 ore per chi ha la cattedra di 18 ore. Non è possibile inoltre indicare come disponibile l’ora assegnata per il ″ricevimento famiglie″.

Per la prima ora di lezione della giornata è naturalmente richiesto che il docente sia presente a scuola alle ore 8.00, mentre per le altre ore attenderanno l’eventuale assegnazione tramite il personale preposto.

Nei limiti della disponibilità economica dipendente dall’erogazione di risorse finanziare all’uopo assegnate dal MIUR, comunque molto limitate, e nel rispetto dei criteri di efficacia, efficienza, economicità, il docente che dovrà effettuare la supplenza sarà individuato in base al seguente ordine di priorità:

  1. docente dello stesso Consiglio di classe della classe interessata;
  2. insegnante della stessa materia del docente assente;
  3. docente di altra classe che ha indicato la propria disponibilità per l’ora interessata.

Si fa presente che, in attesa che siano definite le risorse finanziarie assegnate alla scuola, le supplenze orarie retribuite saranno prioritariamente assegnate per lo svolgimento del servizio nelle classi prime e nelle classi in cui vi siano delle situazioni particolari monitorate da questo Ufficio.

La scheda compilata deve essere consegnata in Vicepresidenza entro e non oltre Mercoledì 16 Gennaio 2019.

(Vedi in allegato circolare Prot. n. 128 del 09/01/2018)